Home>Blog>Cronaca>SARDEGNA… A tavola
Cronaca

SARDEGNA… A tavola

Bere e mangiare

La tradizione agropastorale e quella enogastronomica hanno dato origine in Sardegna ad una varietà sorprendente di prodotti tipici.
La loro genuinità è dovuta all’utilizzo di materie prime locali di ottima qualità combinate ad arte per creare sapori unici ed intensi che vi sveleranno l’autentica Sardegna…morso dopo morso…sorso dopo sorso…
Scopriamo dunque, brevemente, tutti i prodotti della nostra isola.

I vini, i liquori & le birre artigianali

I vini rappresentano una vetrina primaria nel panorama isolano sardo.

La Sardegna produce numerosi vini e liquori di qualità superiore apprezzati in tutto il mondo per le tipiche caratteristiche organolettiche.

Tra i tanti vini rossi presenti in Sardegna ve ne consigliamo alcuni: il Carignano del Sulcis, il Cannonau, il Monica, il Bovale e il Mandrolisai, ottimi per accompagnare piatti di carne e salumi in genere.

Tra i tanti vini bianchi vi consigliamo invece: il Vermentino, il Semidano, il Nuragus, la Vernaccia, il Nasco, il Moscato e la Malvasia, ottimi come aperitivo o per accompagnare piatti a base di pesce e formaggi.

Per gli amanti della birra artigianale, vi sono tanti prodotti che soddisferanno anche i palati più raffinati, birre ottime per gustosi aperitivi o per accompagnare primi piatti o secondi piatti a base di pesce o di carne.

Infine lode ai prelibati liquori caratteristici quali il Mirto, il Limoncello e il Filu ‘e Ferru perfetti per chiudere il pasto come digestivo o subito dopo il caffè.

L’olio e lo zafferano

L’olio rappresenta uno dei prodotti di eccellenza della Sardegna.

Risulta essere per le sue qualità organolettiche tra i migliori oli prodotti in Italia, immancabile nella dieta mediterranea. Ottimo a crudo come condimento per insalate, bruschette al pomodoro e basilico, mozzarelle di bufala sarda e piatti non elaborati.

Lo zafferano invece è una pianta molto diffusa in ambito culinario in Sardegna. La spezia, di colore giallo, viene utilizzata in cucina per dare colore e sapore a primi piatti, secondi piatti e dolci in genere.

Formaggi

La qualità e la bontà del formaggi sardi sono riconosciute a livello internazionale.

Grazie all’ottima materia prima quale il latte e la grande maestria nel trasformarla in formaggi superlativi, in Sardegna assaggerete vere e proprie specialità esclusive rappresentative della tradizione agropastorale sarda.

Il re indiscusso dei formaggi sardi rimane il Pecorino, ottenuto mediante la lavorazione del latte di pecora. Vi segnaliamo anche il formaggio Caprino, altra prelibatezza prodotta con il latte di capra.

Potrete gustarli entrambi accompagnati da un buon bicchiere di vino bianco o rosso abbinato anche a mieli e marmellate varie, sempre prodotti in Sardegna.

Carni e salumi

Gli allevamenti sardi rappresentano la tradizione millenaria isolana legata ad ottime e saporite carni e pregevoli insaccati.

Da assaggiare assolutamente il maialetto arrosto aromatizzato al mirto, il capretto arrosto e il cinghiale in umido. Ai più audaci suggeriamo la cordula arrosto, una treccia composta da interiora legate tramite il budello dell’animale, il tutto accompagnato da un buon vino rosso ovviamente sardo!

Tra i salumi imperdibile un assaggio di salsiccia secca, il salume sardo per eccellenza.

E non dimenticate il prosciutto crudo barbaricino e la pancetta sarda di maiale con una bella fetta di pane civraxiu abbrustolito con un filo d’olio e un po’ di sale!

Miele & Marmellate

Il miele e le marmellate prodotte in Sardegna sono dei prodotti biologici che rimangono impressi per la qualità delle materie prime utilizzate. Ottime per la prima colazione, lo spuntino pomeridiano o abbinate ad un bel piatto di formaggi. Vi suggeriamo tra i tanti prodotti l’assaggio del miele di corbezzolo e della marmellata di fico d’india. Il miele e le marmellate vengono utilizzate spesso anche nella preparazione di dolci tipici sardi.

Pasta fresca e pane

La pasta fresca rappresenta un tassello molto importante nella tradizione culinaria sarda. Da provare i ravioli freschi con ripieno di ricotta di pecora aromatizzati all’arancia o al limone. Superlativi i curlurgiones di patate e menta tipici dell’Ogliastra e della Barbagia. Questi primi piatti vengono solitamente conditi con il sugo di pomodoro fresco e una spolverata di formaggio pecorino d.o.p! Il piatto di pasta tipico sardo per antonomasia è il malloredus alla campidanese, ovviamente accompagnato da un buon bicchiere di vino rosso. Ottima anche la fregola sarda, un vero concentrato di sapori! La tradizione panificatoria sarda offre tantissime tipologie di pane, tra i quali spicca il civraxiu cotto con il forno a legna e il coccoi tipico pane a pasta dura. Immancabile nelle nostre tavole anche il pane carasau, sfoglie di grano duro sottili e croccanti ottime per accompagnare antipasti e primi. Esiste una versione del pane carasau condito con olio e sale e fatto tostare: il suo nome è pane guttiau, ottimo per l’aperitivo, ai pasti o consumato come snack. Nella tradizione panificatoria sarda il pane è utilizzato per realizzare delle vere e proprie opere d’arte per eventi straordinari come le feste liturgiche o momenti importanti della vita individuale (nascite, nozze).

Pesce & crostacei

l pesce risulta essere un alimento molto utilizzato nella tradizione culinaria sarda. Le grigliate di pesce arrosto rappresentano una prelibatezza da provare assolutamente. Ottima anche l’aragosta alla catalana, piatto tipico della città di Alghero, superba la burrida di pesce una specialità di Cagliari a base di pesce, noci, aglio, olio, aceto e spezie. Immancabile l’assaggio di piatti a base di bottarga, il caviale di Sardegna, prodotto ricavato dalle uova di tonno o di muggine. Per assaporare al meglio questi prodotti vi consigliamo l’abbinamento con un buon vino, rigorosamente bianco. Da assaggiare anche i prelibati ricci di mare: si mangiano a crudo con una buona fetta di pane civraxiu abbrustolita con un filo di olio di oliva. Infine non vi rimane che andare a Carloforte a degustare il famoso tonno alla carlofortina…ne rimarrete estasiati!

Dolci

Infine chiudiamo con i dolci tipici sardi. Una varietà di prodotti da gustare in ogni occasione, dalla colazione, dopo i pasti e all’ora del tè pomeridiano. Già i nomi sono particolari quanto i sapori che racchiudono: i bianchini, gli amaretti, i mustaccioli, i papassini, le pardule, i piricchittus, il pistoccu, per citarne alcuni. E’ davvero difficile darvi un consiglio, vista la bonta’ e il gran numero di prodotti tipici. Dovendo scegliere tre prodotti da assaggiare vi suggeriamo: la seadas al miele, ripiena di formaggio dolce, le pardule al formaggio o alla ricotta, e infine il gateau di mandorle e miele. I dolci tipici sardi si accompagnano con un buon moscato o con una gustosa malvasia di Bosa (paese in provincia di Oristano).

Speriamo che questi brevi consigli gastronomici vi incuriosiscano al punto da voler assolutamente assaporare la vera Sardegna. I prodotti sardi autentici sono solo quelli realizzati nell’isola, pertanto vi consigliamo di acquistare e mangiare solo ed esclusivamente quelli dei quali è chiara la provenienza. Diffidate dalle tante e mal riuscite imitazioni.
Tutti i prodotti da noi menzionati sono facilmente reperibili in tutta la Sardegna.
Vi informiamo inoltre che tante aziende sarde sono liete di accogliere presso le loro strutture i visitatori curiosi! Contattateci per maggiori informazioni sui tour guidati per poter assaggiare ciò di cui vi abbiamo raccontato o anche per dei semplici consigli su dove acquistare i prodotti autentici della tradizione sarda.

 

www.easyholidaysardinia.com/it/consigli-di-viaggio/bere-e-mangiare/

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *