Home>Blog>Cronaca>Maurizio Sarlo …Il clima ha sete di giustizia!
Cronaca

Maurizio Sarlo …Il clima ha sete di giustizia!

La Terra ha sete di saggia Giustizia!
(… dal libretto di MauS 😉)


Domani saremo a Bressanvido (VI) con il dott Luigi Montano.

Oggi , molti Giovani (la maiuscola è d’obbligo) del Mondo sono scesi in piazza per chiedere il rispetto e l’innovazione etica delle politiche legate al rispetto del clima e dell’ambiente.

La Terra, quasi ovunque, è terribilmente malata.

La malattia più grave, però, a mio avviso, è quella legata all’assoluta ignoranza della maggioranza dei Popoli sulle VERE CAUSE che generano scompensi a tutti.

Pesticidi somministrati a tutti i terreni, con l’idea che una loro minima tolleranza non incida negativamente sui prodotti che gli agricoltori produrranno. I nostri scienziati hanno dimostrato l’esatto contrario!

“Scie di condensa” in cielo, ad ogni previsione di peggioramento climatico, rilasciate da aerei ✈️ che si differenziano da tutti gli altri, proprio per emanare “scie” che durano ore e ore e si distribuiscono nel cielo creando una specie di coltre nuvolosa: cosa si nasconde dietro tale “coltre nuvolosa”? Perché si mette un segreto di Stato sulle “scie di condensa”? Perché il “comico del grillo”, che oggi è al Governo con i suoi yes man, sorride e irride a chi lancia moniti sulle “scie chimiche”?

Ed ancora: Polveri sottili quotidiane e diossina, emessi da ciminiere di Inceneritori che, leghisti e cugini stellati, vedono con favore, tanto da ampliare e inserirli nel decreto “sblocca Italia”… In particolare mi riferisco al trittico di Inceneritori (loro li chiamano termovalorizzatori! Sic!) che oggi lavorano oltre 450mila tonnellate l’anno di rifiuti e situati in Lombardia. Bruciano non solo rifiuti urbani, ma anche speciali e pericolosi. Filago con Ecolombardia 4 (che fa capo ad A2A), Dalmine con Rea (Rifiuti energia ambiente) e Trezzo con Termotrezzo rappresentano, infatti, tre poli dei rifiuti che “i perbenisti della modernità” portano a maggior produzione.
Non da meno è quello che succede nel Lazio ed in altre Regioni popolate dell’Italia.

Per far capire quanto fanno male alla salute basta parlare con il dott Luigi Montano e affidarsi alle sue premiate ricerche, promosse con il Progetto EcoFoodFertility!

Domani, sabato 15/03, io sarò ad ascoltare Luigi Montano dalle parti di Vicenza (vedi locandina allegata), e a proporre alcune riflessioni proprio su questi argomenti.

Ben venga l’andare nelle piazze come stanno facendo i giovani sull’argomento ambiente. Ma non basta affatto! Anzi, potrebbe diventare persino molto pericoloso, perché potrebbe prestare il fianco ai soliti detrattori malefici e ben organizzati (dai Black Block in poi).

Per cambiare in meglio, sul serio, la vera rivoluzione deve diventare quella del Passa Parola organizzato, serio, etico e saggio; come quello promosso da COEMM e CLEMM. Ed ora anche dal PVU!

Per cambiare in meglio sul serio, la maggioranza della Massa deve trovare nel giusto voto politico l’unica vera via!

Noi diciamo: solo dalla migliore Italia può Partire la svolta positiva per l’esempio pilota che coinvolga il resto del Mondo.

Non ci stancheremo mai di proporre le nostre soluzioni per contribuire attivamente a dare vita ad una sorta di “Paradiso in Terra”! Non ci sono alternative positive a questa nostra azione, purtroppo.

Oggi, si deve e si può. Al disastro completo, al quale ci stiamo avvicinando sempre più, io non vedo alternative al di fuori del Programma COEMM / CLEMM e PVU.

Chi potrà venire domani all’evento di Bressanvido (VI) ne saprà di più.

PVU, pensaci tu!

 

Per Informazioni ed approfondimenti sul Progetto COEMM:
La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)
Sito Web COEMM INT’L 
Pagina Ufficiale COEMM & CLEMM OfficialPage 
Canale You Tube Coemm & Clemm TV 
Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *