Home>Blog>Cronaca>L’IMBONITORE… di Natale Sabella
Cronaca

L’IMBONITORE… di Natale Sabella

Ho conosciuto un “imbonitore”.

Di quelli d’altri tempi.

Un uomo sulla sessantina,
non molto alto, ma in compenso,
snello e lesto d’ingegno.

Sempre gentile e garbato,
si presenta sovente in pubblico,
indossando la sua inseparabile
“giacchetta” azzurra.

Di nome fa Maurizio,
Maurizio Sarlo.

Parla sempre di cose strane.
Dice che praticando l’Altruismo
si può sconfiggere per sempre
la povertà e l’ineguaglianza sociale.

Certo è che un “imbonitore”,
può permettersi di dire ciò che vuole,
in fondo, le sue sono solo parole,
soltanto parole.

Pensate che da oltre due anni e mezzo,
percorre in lungo e largo l’Italia intera,
per incontrare i suoi, per così dire,
sostenitori, i quali affollano teatri
e ampie sale, per ascoltare cosa?
Le parole di un visionario!

Mah!
Non c’è più mondo!

Beh, confesso che anch’io
frequento spesso quei luoghi,
ed ivi incontro tante belle anime.

Pensate,
che sentendolo parlare,
“l’imbonitore”, non sembra affatto tale.
Ma ovviamente è solo una mia impressione!

Il fatto è che per qualche ora,
riesco a sentirmi libero.

Libero di sognare!

Sognare sognare, si!
E chi si ricordava più come si fa!

Comunque,
per dirla in breve,
sono già due anni che lo seguo,
“l’imbonitore”.

Confesso che mi ci sono pure affezionato!

No no,
non come si fa col cane,
di più, di più,
molto di più,
infinitamente di più.

Gli voglio bene!

Non lo so perché!
No lo capisco!

Penso di essere rimasto “contagiato”,
meditando sul concetto di “Mondo Etico”.

Eh si!
Sul concetto di “Mondo Etico”
non si scherza!

Se poi,
soltanto ti passasse per la mente
di metterlo in pratica, il “Mondo Etico”,
allora non avresti più scampo, saresti spacciato,
e con sentenza inappellabile, verresti anche tu
condannato a portare addosso l’indelebile
e vergognoso appellativo di “imbonitore”.

Che brividi!

Guarda per esempio,
la fine che ha fatto “l’eredità intellettuale”
di Uomini come
Riccardo Lombardi,
Federico Caffè
e Aldo Moro.

Kaputt!
Caduta nel dimenticatoio!
Seppellita!
Annientata!

E dire che si trattava di Uomini illustri,
Uomini delle Istituzioni,
come si dice oggi.

Eppure,
questa è la realtà!

Loro già da tempo sono morti,
e noi qui a dare ascolto
all’ennesimo “imbonitore”.

“L’ennesimo imbonitore”!

Si, proprio così l’ha definito la televisione.
Il perché non lo so,
non l’hanno spiegato!

Dicono che si è arricchito
alla faccia degli allocchi come me,
che ogni mese gli donano un euro,
nella vana speranza che un giorno,
lui, lo scaltro “imbonitore”, ce ne restituisca
ben millecinquecento di euro, e non “una tantum”,
bensì mensilmente, e come se non bastasse,
per sempre.

La televisione è la televisione!
Un’istituzione nata con una naturale
e spontanea attitudine “umanitaria”:
“Informare” il popolo “ignorante”
che contestualmente diviene “formato”,
o ancor meglio,
“conformato” alle varie ideologie,
scrupolosamente “studiate” da chi lo governa,
al solo scopo di salvaguardarne
l’equilibrio psicofisico.

Che meraviglia!

Ma io,
modestamente,
penso che quattro conti,
ancora oggi riesco a farmeli.

“All’imbonitore”, liberamente,
gli dono un euro al mese.
E questo è inconfutabile,
in quanto se vado a leggere l’importo
della ricevuta di ogni bonifico che ho effettuato,
trovo la cifra esatta di quanto ho “voluto” donare.
Se però, leggendo la suddetta ricevuta,
provo a spostare lo sguardo sulla voce
“commissioni”, non riesco a capire
di quanto sono stato derubato!

Ora io dico,
“imbonitore” quanto sia,
questo Maurizio Sarlo,
non ha mai cercato
di rubarmi o vedermi
niente!

Partecipando alle sue conferenze,
non mi sono mai sentito raggirato,
nel modo più assoluto!

Si certo,
all’ingresso di ogni evento
mi viene chiesto se desidero contribuire
al pagamento dell’affitto della sala o teatro che sia,
e io di solito contribuisco.

E che è cosa grave
contribuire alle spese,
quando si partecipa a una
manifestazione che interessa?

Perché quando vado al teatro o al cinema,
mi fanno entrare gratis?

E se per caso
imbocco un’autostrada
per “scappare” all’estero,
che fa, mi dicono vada, vada?

Prima devo pagare!
E poi posso andare
a fare in culo
dove voglio.

Ma io, all’estero
non ho cosa andarci a fare!
Che sono scemo che lascio l’Italia.

L’Italia è “il Paese di Bengodi”!

Prendi le elezioni politiche,
tanto per fare un esempio,
in Italia se vai a votare oppure no,
non ha nessuna importanza,
perché qui i politici,
pensano a tutto loro!

Tu rimani comodamente
“stinnicchiato” sul divano di casa
ad “acculturarti” davanti alla televisione,
e loro ti “formano” un governo,
e come se non bastasse,
te lo “costituiscono” sempre con gli stessi “personaggi”,
così non devi nemmeno fare la fatica
di abituarti a persone “estranee”.

Questa è la vera Democrazia!

Tutto deve rimanere in “famiglia”!
E quando qualcuno dei “vecchi benefattori” muore,
lo rimpiazzano con uno dei loro figli,
perché in Italia, i politici,
li fanno i figli!
Alla faccia del “calo demografico”,
loro i figli li fanno!

Questo significa dare l’esempio!

E chi si muove da questo “paradiso”!

In Italia,
ognuno può fare quello che vuole,
anche “l’imbonitore”!
Tanto gli Italiani,
“scecchi fedeli” sono!

Allora lo sai cosa ti dico,
caro Maurizio Sarlo?

“Alla tirata delle somme”,
visto che sono così “libero”,
io la mia fiducia
te la voglio
accordare,
caro Amico mio,
perché penso,
che è meglio un “imbonitore”,
di mille “tuttologhi”
incravattati!

Eh si!
Mi sa che a conti fatti,
credo proprio
di non avere sbagliato strada
condividendo il mio cammino
con quello di un semplice e umile “imbonitore”
che ha saputo farsi strada nel mio cuore
con parole cordiali e miti.

Perché devi sapere,
caro Maurizio,
che in questo mondo,
con l’appellativo di “imbonitore”
si può anche essere infamati,
ma col cuore da Gran Signore,
non c’è rimedio,
ci devi proprio
nascere!

Infine,
ieri mi sono “ritrovato”
in un “salotto culturale”,
dove c’era un’anziana signora
che sentendomi parlare,
mi ha definito un bravo
“predicatore”.

Che dici Maurizio,
continuando così,
ce l’ho la speranza
di diventare un giorno,
un “bravo imbonitore”
come te?

Pace.

Natale Sabella

 

Per Informazioni ed approfondimenti sul Progetto COEMM:
La buona comunicazione:
è un progetto autonomo per il cammino verso un Mondo Migliore e unisce un gruppo di bloggers che si ispirano alle linee guida dell’Associazione no profit COEMM (Maura Luperto Presidente e Maurizio Sarlo Fondatore)
Sito Web COEMM INT’L 
Pagina Ufficiale COEMM & CLEMM OfficialPage 
Canale You Tube Coemm & Clemm TV 
Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *