Nazionale

OPEN ARMS, PRIMA NOTTE SULLA TERRA FERMA

Alle 23,35 di ieri si è conclusa l'odissea della Open Arms. Poco prima della fine del 19mo giorno di stasi davanti Lampedusa, gli 83 migranti rimasti a bordo della nave della Ong spagnola sono sbarcati.  Prima di attraccare le persone a bordo hanno cantato e ballato. Si è conclusa con l'arrivo al porto una giornata lunga e complessa, segnata dalla "fuga" dalla nave di 15 migranti che hanno tentato di
Nazionale

OPEN ARMS, CRESCE LA TENSIONE MIGRANTI IN MARE

Situazione sempre più critica a bordo della Open Arms al diciannovesimo giorno di attesa, ferma a mezzo miglio da Lampedusa. Sono stati sbarcati nella notte altri 8 migranti dei 107 che si trovavano a bordo, perchè necessitavano di assistenza. Con loro anche un accompagnatore. "Confinati in una scatola di ferro per 18 giorni, acqua razionata, cibo razionato ... la situazione inizia a somigliare a quella di un centro di detenzione
Nazionale

INCENDIO A GRAN CANARIA, 8 MILA EVACUATI

E' salito a 8 mila il numero delle persone evacuate sull'isola di Gran Canaria per via dell'incendio scoppiato nel pomeriggio di sabato. E' quanto riferisce sulla sua versione online il quotidiano spagnolo El Pais. Dalle prime luci dell'alba è stato attivato uno spiegamento senza precedenti, con l'impiego di oltre 700 uomini a terra e il supporto aereo di 16 velivoli: quattro idrovolanti, un aereo forestale e undici elicotteri, nove dei
Nazionale

A LODI UN “6” DA RECORD, 209 MILIONI

Questa sera è stata assegnata la vincita più alta nella storia del SuperEnalotto di Sisal nonché il premio più alto al mondo, un “6” da 209 milioni di euro (per l'esattezza 209.160.441,54). La combinazione vincente è stata realizzata a Lodi presso il punto di vendita Sisal Bar Marino situato in via Cavour, 46, grazie ad una giocata di soli 2 euro. Quella di stasera, ricorda l'agenzia Agimeg, è la prima
Nazionale

LAGO D’ISEO, MUOIONO ANNEGATI DUE FRATELLI

Sono morti i due fratelli di 16 e 17 anni di origini pachistane che ieri erano stati soccorsi a Tavernola, in provincia di Bergamo, mentre rischiavano di annegare nel lago d'Iseo. I due si erano tuffati ed erano finiti sott'acqua. Allertati i soccorsi, sono stati trasportati in ospedale dove però sono deceduti nella notte. Un terzo fratello, che ha provato a salvarli, è stato portato a riva da un bagnante.
Nazionale

OPEN ARMS, 13 PERSONE SBARCATE D’URGENZA

Tre persone e un accompagnatore sono state fatte sbarcare la scorsa notte dalla Open Arms "per complicazioni mediche che richiedono cure specializzate". Lo comunica via Twitter la stessa Ong spagnola, sottolineando che "tutte le persone a bordo devono essere fatte sbarcare urgentemente. L'umanità lo impone". Dalla nave che da due settimane si trova in mare di fronte a Lampedusa con oltre 140 migranti a bordo, era stata autorizzata ieri l'evacuazione
Nazionale

OPEN ARMS, IL TAR SOSPENDE IL DIVIETO D’INGRESSO

Il Tar dà ragione alla Open Arms e dispone che all'imbarcazione venga consentito l’ingresso in acque territoriali italiane per dare soccorso alle persone a bordo. Lo rende noto l'Ong. "A seguito del ricorso - si legge in una nota della Open Arms - presentato dai nostri legali presso il Tar del Lazio in data 13 agosto 2019, nel quale facevamo presente la violazione delle norme di Diritto Internazionale del mare
Nazionale

PONTE MORANDI, IL GIORNO DEL RICORDO

“Il sacrificio è l’altro lato dell’amore”. E’ questo passaggio dell'omelia dell’arcivescovo di Genova, Angelo Bagnasco, a raccontare l’anno che è passato dal crollo del ponte Morandi avvenuto alle 11.36 del 14 agosto 2018. Accuse, indagini e scarichi di responsabilità, sono lontani dalla vita di ogni giorno di chi cerca di dare e darsi una spiegazione per quanto accaduto. Perché il sacrificio è di chi ha perso un parente, un amico
Nazionale

NISTRI “EVITARE UN’ALTRA COLTELLATA A MARIO”

"Se è concesso a un comandante generale dei Carabiniere fare delle richieste, oggi ne avrei due: rispetto e riconoscenza. Si eviti la dodicesima coltellata al cuore d’oro di Mario. Sono legittimi i commenti, ma non oggi. Facciamo che i toni e i modi non siano la dodicesima coltellata. Mario è morto per tutti: a partire dall’equo trattamento che si deve anche a una persona che ha commesso un orrendo crimine".
Nazionale

CARABINIERE UCCISO, IL GIORNO DELL’ADDIO

Folla e commozione ai funerali del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega nella chiesa di Somma Vesuviana. All'arrivo del feretro - avvolto nella bandiera tricolore e caricato a spalla dai colleghi - amici, conoscenti e autorità, nel piazzale esterno della Chiesa e all'interno, si sono uniti in un lungo applauso. Presenti, tra gli altri, Roberto Fico, presidente della Camera dei Deputati, e delegazioni della Marina, dei Vigili del Fuoco e della Polizia